v  
   


 





 


 


<Segue


Le serate al Town Hall e il successo che ha riscosso durante una brillante carriera sono un vago ricordo del passato, ma Vincent ha un piano per riconquistarsi la libertà e per vendicarsi di tutti quei falsi amici che gli hanno girato le spalle. Una notte, dopo aver guadagnato la fiducia dell'infermiere Harry, organizza un abile stratagemma e riesce a fuggire dalla sua prigione; dopo anni di reclusione si trova di nuovo lungo la strada con indosso un abito a strisce, una vestaglia e una pistola, unico alleato che ha per portare a compimento il suo diabolico piano.
Vincent adesso deve assolutamente incontrare Bob, l'uomo che ha sposato la sua ex fidanzata, e per fare questo ha in mente un piano ben preciso: si reca a casa di Stan, il suo vecchio manager, e attira Bob con una telefonata; deve solo aspettare e mantenere la situazione sotto controllo, ma, in questi casi, è assai difficile avere i nervi saldi e Vincent ha sempre avuto scatti di collera molto accesi. Sarà una notte lunga per Stan, che tenta di ammansire i suoi continui scatti d'ira con prevedibili astuzie, e per Jean, l'attraente moglie di Stan, che prova a sedurre in ogni modo il fuggitivo; nessuno di loro potrà placare l'ira che il pianista ha accumulato in anni di internamento nell'ospedale psichiatrico. Poche ore e le vite di tutte queste persone non saranno più le stesse.
Richard Matheson, maestro di gialli, horror e fantascienza, anche questa volta ha dato prova di un talento senza limiti. Quasi tutta la storia si sviluppa nella casa di Stan, ma le relazioni, i pensieri e le intenzioni dei personaggi costituiscono il fulcro intorno a cui si sviluppa la trama del romanzo. Il tutto viene complicato dai sentimenti delle persone coinvolte in questa tragedia; Vincent ama Ruth, ma è attratto dalla moglie di Stan; Jean, a sua volta, odia il marito per la sua mancanza di coraggio e per il suo aspetto fisico. In situazioni estreme come questa, i capovolgimenti di fronte, le emozioni, le invidie, gli amori possono giocare brutti scherzi e tutto ciò che è latente può tornare a galla in qualsiasi momento. Matheson, abile disegnatore della psicologia umana, scrive una storia densa di tensione che inizia e termina in una nottata, una storia al limite dell'impossibile in cui da un lato fuoriesce l'istinto omicida del pianista, dall'altro l'istinto di sopravvivenza delle vittime. E' proprio in situazioni come questa che esce fuori la vera natura umana.


(pubblicato su www.romanoir.it il 23.12.2009)

   


Roma Noir 2009
L'amore ai tempi del noir

a cura di Elisabetta Mondello
(Robin Edizioni 2009)
























Concorso Letterario
Roma Noir 2009
per tre racconti inediti


Vincitori

1° classificato
Sala d'attesa
di
Carmen Maffione

2° classificato
Terapia d'urto
di
Silvia Premoli

3° classificato ex aequo
Il demone della Buonanotte
di
Andrea Franco

3° classificato ex aequo
Dolcemente verso il basso
di
Massimiliano Govoni


Leggi i racconti



   
 
Roma Noir tutti i diritti riservati Copyright 2005 programmazione e grafica di Roberta Mochi e Alessia Risi