v  
   
 
 

 

 



 

<Segue
Il tutto ruvidamente schizzato sulle trame di una tela che prende le forme opprimenti e alienanti di camere d'albergo ammuffite e di vecchie case vittoriane abbandonate.
Ma se in un mosaico in cui ogni tassello si aggrappa all'altro senza trovare la forza per un respiro se ne inserisce brutalmente un altro, allora il disegno generale si scardina e niente è più come prima.
Così la realtà si disgrega, cambiano i protagonisti, si scardinano porte che sembravano chiuse a doppia mandata, ma i cicli vitali, le forza segrete che muovono gli eventi, rimangono immoti ed irraggiungibili. In questo mondo in cui tutto è marcio e tutti sono in guerra con tutti, il peso degli eventi si rovescia sopra una rappresentazione teatrale dell'uomo e del suo istinto, sia esso di sopraffazione, sia esso di auto conservazione. Un cammino che alla fine riporta al punto di partenza, con la stessa solitudine, la stessa incertezza, la stessa vacuità. Per niente. Tutto ciò che è stato, è successo per niente. E così tutto ciò che succederà.
La Dario Flaccovio Editore arricchisce la sua collana Gialloteca con un romanzo aspro, dal retrogusto amaro. Un perfetto continuum per una delle case editrici più propositive, sia a livello qualitativo che per numero di uscite, del panorama noir italiano. Giallo e nero si contaminano a vicenda, nel romanzo di Mascherpa. Ne viene fuori da se una sfumatura color seppia che toglie il respiro attraverso una sovraesposizione di tante realtà che sembrano non coincidere, ma che irrimediabilmente si collegano l'una all'altra fino al nichilismo del finale.
La scrittura di Mascherpa è pulita, lineare, senza forzature stilistiche. Il ricordo del protagonista, io narrante, si innesta alla perfezione nel tessuto della narrazione senza deviarla mai verso parentesi fuori dal tempo del romanzo. Una scrittura figlia dell'approccio zen dell'autore, esperto in strategie di comunicazione e scienze simboliche (sono suoi Managing Zen. Il centro del movimento è un punto immobil, 2001 ed Esoterismo dei numeri: iniziazione all'aritmosofia, 2004 rispettivamente pubblicate da Positive Press ed Atanor Edizioni), che non ha la pretesa di trasformare il romanzo in un trattato, ma rimane ai margini, insieme a chi nei margini continua ad andare in giro per niente.

(pubblicato su www.romanoir.it il 23.05.2007)

   


Roma Noir 2006
Modelli a confronto:
l'Italia, l'Europa, l'America

a cura di Elisabetta Mondello
(Robin Edizioni 2006)

Descrizione

 

 

Che cos'è
Roma Noir

 


Concorso Letterario
Roma Noir 2007
per tre racconti inediti

Vincitori

1° classificato
Cuori Solitari
di
Valeria Raimondi

2° classificato
Il Perdono
di
Alessandro Morbidelli

3° classificato
Sequenza in nero
di
Marica Petrolati


Leggi i racconti



Scarica il Bando

   
 
Roma Noir tutti i diritti riservati Copyright © 2005 programmazione e grafica di Roberta Mochi e Alessia Risi