v  
   


 





 


 


<Segue

L'inquinamento avanza, il globo si surriscalda, il verde scompare, il terrorismo è una minaccia incombente e su tutto troneggia solo il denaro dei grandi mercati finanziari mondiali. A combattere i piani dei musicisti c'è Leonardo Vassilevic Voronov, ex colonnello del KGB e capo dello spionaggio russo, al comando di un'associazione altrettanto segreta chiamata Albero, che cerca di contrastare l'avanzata del Nulla. Le sue armi solo la volontà incorrotta di salvare la terra, l'aiuto di Jasmine, una giovane geologa dei servizi segreti francesi assoldata come spia e amante di uno dei musicisti, e Hadra un terribile quanto camaleontico killer di professione dal passato oscuro e tormentato, che lo affiancheranno in quella che sarà la battaglia decisiva.
Per contrastare l'avanzata del Nulla si aprirà una lotta senza esclusione di colpi, tra assassinii, spionaggio internazionale e tradimenti perché l'unica soluzione per salvare il Pianeta è far tacere una volta per tutte la musica dell'Orchestra. Asso nella manica di Albero una scoperta energetica alternativa, il Ceasar, che nascosto in un bunker sotto la tundra siberiana permetterà, attraverso il riutilizzo delle scorie nucleari, di abolire definitivamente il monopolio del petrolio che stringe l'umanità in una stretta economica e politica asfissiante.
Una spy-story densa di intrighi, tagliata trasversalmente dai temi più vari: una conoscenza attenta delle scienze naturali e dell'arte accompagnerà il lettore nell'intrigante surrealismo di Dalì e dei quadri quanto mai inquietanti di Arnold Bocklin che nascondono il segreto del potere di Orchestra, fino ai risvolti esoterici che toccano la storia a tutti nota e che sfociano nella grande leggenda della Lancia del Destino.
Una scrittura brillante, che lascia il lettore senza fiato, quella di Adriano Casassa per il suo libro d'esordio che intreccia il fascino di un thriller sapientemente costruito alla bellezza descrittiva dei luoghi attraversati dai suoi personaggi, dalle labirintiche vie del Cairo, alla New York delle Torri Gemelle, dal freddo della Siberia fino agli scenari romantici di una Ventotene semi-deserta. E la conclusione all'ancestrale lotta tra il bene e il male che aspetta il lettore per salvare la Terra e se stesso non è mai, come in nessun altro passo del libro, banale e scontata.

 


(pubblicato su www.romanoir.it il 12.12.2008)

   


Roma Noir 2008
"Hannibal the Cannibal c'est moi?" Realismo e finzione nel romanzo noir italiano

a cura di Elisabetta Mondello
(Robin Edizioni 2008)
























Concorso Letterario
Roma Noir 2008
per tre racconti inediti


Vincitori

1° classificato
Il focolare
di
Davide Martirani

2° classificato
Vedo nero (Baby E.)
di
Andrea Floris

3° classificato ex aequo
La cosa nera
di
Roberto Santini

3° classificato ex aequo
La bellezza
di
Marco Bocci


Leggi i racconti



   
 
Roma Noir tutti i diritti riservati Copyright 2005 programmazione e grafica di Roberta Mochi e Alessia Risi