v  
   
 
 

 

 



 

<Segue
Mercy vive la sua giovane vita su un'isola hondurena gestita dal padre, Cayo Almirante, che vuol fare di lei l'arma perfetta. Tra esperti di combattimento e di arti marziali, in particolare un certo Ballesteros, maestro di Kali escrima filippino, e maestri dell'assassinio, Mercy viene notata da due funzionari della CIA e dal misterioso Iceman che la recluta per la rinata "sezione eliminazioni" della CIA, la Sezione D , diretta da Charles Wentworth (nome in codice "Il Professore").
Mercy diventa così Nightshade, nome straniero per il fiore della belladonna, e si imbarca nella prima delle sue avventure da inviata molto speciale. Il primo obiettivo è uno spacciatore di droga colombiano. Ma, c'era da aspettarselo, non sarà semplice.
Nelle sue missioni Nightshade si avvale della preziosa collaborazione di alcuni personaggi ricorrenti, come i membri della Sezione D, Kyle Darrow (con cui ha una relazione) e Thomas "Doom" Moretti, una spia, Paco Torrent, mercante di informazioni segrete, Nabila Rashid, colui che sceglie le spie, e Carlo Medina, killer professionista milanese a cui il prolifico autore ha dedicato una serie di romanzi di cui l'Alacran ha riadattato la prima avventura, “Morte accidentale di una Lady” ( Ladykill, Alacran Edizioni).
E così il personaggio Mercy Nightshade, che vede la luce per la prima volta nel 2001, per la serie “Segretissimo”. L'Alacran ripubblica oggi l'esplosivo debutto di un personaggio anomalo, un po' Nikita e un po' Lara Croft, avvolto dall'aroma sensuale dell'eroina che combatte contro il mondo intero. Proprio nelle trame di una società sempre più ambigua e dalle reti sovrapposte, in un dedalo di relazioni che si intersecano seguendo disegni astratti e fedeli a nessuno in particolare, la spy story di Andrea Carlo Cappi vede muoversi questo personaggio profondo e mai banale, lontanissimo dai cliché del prototipo femminile d'assalto.
La scrittura di Cappi, che nel 2001 firmava i romanzi di Nightshade con lo pseudonimo di François Torrent, è fresca e diretta, con un taglio cinematografico che nelle scene d'azione, grazie anche alla consulenza diretta di un esperto di arti marziali quale Roberto Bonomelli, coinvolge il lettore portandolo nell'occhio del ciclone. D'altronde Cappi non è nuovo a trattazioni profondamente inebriate di action e di mistero. Basti pensare ai saggi su James Bond, di cui è probabilmente il maggiore studioso e conoscitore, o alle avventure prestate alla china dei disegnatori del celebre fumetto bonelliano “Martyn Mystere”. Stiamo parlando di uno dei più prolifici esperti di quella scrittura d'azione tanto cara ad una certa tradizione britannica di cui autori come Ian Fleming e John Le Carrè sono inamovibili capostipiti.
In “Nightshade: Missione Cuba”, il mistero del personaggio “spia-assassino” si tinge di un nero che sa di caffè, di notti in cui la luna potrebbe decidere se lasciar vivere o morire un uomo, di corpi sinuosi persi nell'oscurità. Sono notti cubane, irripetibili.
Ma l'occhio politico dell'autore non si sofferma soltanto sopra le distese verdeggianti dell'America Latina. La società intera è in continuo divenire, lo specchio dei tempi è stato frantumato da eventi quali la caduta del comunismo e quella delle Twin Towers ed i personaggi che muovono i fili sono scivolati dietro.
Nightshade è una delle superstiti al grande caos che falsamente domina gli eventi. Ed ogni parola è in realtà un indizio, per scoprire quanto sia valido un antico detto cinese ai giorni nostri.

(pubblicato su www.romanoir.it il 24.06.2007)

   


Roma Noir 2006
Modelli a confronto:
l'Italia, l'Europa, l'America

a cura di Elisabetta Mondello
(Robin Edizioni 2006)

Descrizione

 

 

Che cos'è
Roma Noir

 


Concorso Letterario
Roma Noir 2007
per tre racconti inediti

Vincitori

1° classificato
Cuori Solitari
di
Valeria Raimondi

2° classificato
Il Perdono
di
Alessandro Morbidelli

3° classificato
Sequenza in nero
di
Marica Petrolati


Leggi i racconti



Scarica il Bando

   
 
Roma Noir tutti i diritti riservati Copyright © 2005 programmazione e grafica di Roberta Mochi e Alessia Risi