v  
   
 
 

 

 



 

<Segue
Il giudizio critico, insieme tecnico ed estetico, sintetizzato in chiusura di ogni scheda dalle canoniche stelline, mette in luce, a seconda dei casi, gli aspetti più rilevanti e originali dell'opera: regia, fotografia, effetti speciali, cast e recitazione e si sofferma, a volte, a valutare il successo del film al botteghino in relazione ai suoi costi di produzione – dato particolarmente interessante soprattutto nei casi di grandi fenomeni cinematografici seriali come Nightmare , Scream , o la saga dello Squalo . I dati degli incassi sono tratti dai siti Internet Movie Data Base e Mojo Box Office e pur con i limiti che l'autore stesso sottolinea nella Guida alla consultazione (i costi non tengono conto delle spese di pubblicizzazione e i ricavi del fruttuoso e assai proficuo mercato dell' home video) offrono un interessante parametro di valutazione.
Non mancano nelle schede curiosità, piccoli aneddoti, segnalazioni di cammei e notizie che gratificano il cinefilo appassionato, mentre il lettore meno esperto apprezza i richiami che lo guidano da una scheda all'altra, aiutandolo ad orientarsi nel labirinto dei sequel e dei remake . Tali rimandi hanno anche il pregio di costruire un'interessante trama interna, un filo che permette di individuare e seguire nella loro evoluzione sottogeneri e filoni, dal cannibalismo all'horror chiururgico o geriatrico, per fare solo alcuni esempi, indicando precursori, esperienze principali ed epigoni tardivi. In questo modo si scivola piacevolmente dalla consultazione casuale alla lettura guidata godendo anche delle scelte poco ortodosse dell'autore ( L'esorciccio di Ingrassia, una delle inclusioni più discusse del Dizionario, in alfabetica e dissacrante contiguità con il ben più spaventoso Esorcista firmato da Friedkin).
Al di là dell'accuratezza ed esaustività della compilazione, Salvagnini inserisce anche alcuni titoli di film di pregio mai distribuiti in Italia, ci sembra però che il vero valore aggiunto del suo lavoro consista nella leggerezza, mista ad ironia, con cui l'autore costruisce i suoi giudizi e sostiene le sue scelte. Salvagnini ha fatto completamente sua la lezione dei primi dizionari di cinema, rigorosamente americani anche se non esclusivamente di genere, consultati da ragazzo e lo spirito ludico informativo che permea il suo lavoro è lo stesso che lui attribuisce a quelle giovanili letture. É necessario sottolineare che gli stessi criteri seguiti nella scelta delle inclusioni e delle esclusioni sono frutto della passione per il genere horror e del piacere provato nel redigere quest'opera – nonostante l'autore sottolinei nella premessa che più che “labour of love” questo Dizionario è stato una pazzia! –. L'estrema permeabilità e fluidità dei confini del genere gli hanno permesso, d'altro canto, di muoversi con una certa libertà e di inserire film non immediatamente ascrivibili alla tipologia horror per il gusto di segnalarne al lettore pregi e caratteristiche.


(Pubblicato su www.romanoir.it il 20.09.2007)

   


Roma Noir 2006
Modelli a confronto:
l'Italia, l'Europa, l'America

a cura di Elisabetta Mondello
(Robin Edizioni 2006)

Descrizione

 

 

Che cos'è
Roma Noir

 


Concorso Letterario
Roma Noir 2007
per tre racconti inediti

Vincitori

1° classificato
Cuori Solitari
di
Valeria Raimondi

2° classificato
Il Perdono
di
Alessandro Morbidelli

3° classificato
Sequenza in nero
di
Marica Petrolati


Leggi i racconti



Scarica il Bando

   
 
Roma Noir tutti i diritti riservati Copyright © 2005 programmazione e grafica di Roberta Mochi e Alessia Risi